Bonus serramenti 2023: ecco tutte le ultime novità per richiedere la detrazione

sostituire-vecchi-serramenti-con-finstra

Bonus serramenti 2023: ecco tutte le ultime novità per richiedere la detrazione

Scopri i Bonus previsti per il 2024

sostituire-vecchi-serramenti-con-finstra

Bonus serramenti 2023: ecco tutte le ultime novità per richiedere la detrazione

È  tempo di sostituire i tuoi vecchi serramenti e stai cercando di capire se per la loro sostituzione è possibile ancora chiedere la detrazione fiscale ed in che misura? Hai letto che per il bonus serramenti 2023 è stato nuovamente previsto nella legge di bilancio ma vorresti qualche informazione in più su requisiti e limiti di spesa e soprattutto a chi rivolgerti per il tuo acquisto? Oppure sei semplicemente curioso di sapere come sostituire i serramenti nella tua casa a Torino così come in qualunque altra città e richiedere il bonus serramenti 2023 ?

Non ti preoccupare!

Fermati per qualche minuto e leggi questo articolo che noi di Arredoporte, da anni specialisti di serramenti a Torino e dintorni abbiamo preparato per te, per aiutarti a districarti nella normativa attualmente in vigore sul bonus serramenti 2023. Scoprirai quali sono i bonus confermati con la legge di bilancio ed utilizzabili, in modo da essere preparato su quali sono i limiti di spesa, le tipologie di lavori ammissibili e gli adempimenti da effettuare. In questo modo potrai avere le idee più chiari sull’ argomento.

Buona lettura!

Bonus serramenti 2023 : facciamo chiarezza sulle tipologie di bonus e requisiti

Come abbiamo sopra accennato, a partire dal 01 gennaio 2023 il bonus Infissi avente ad oggetto le spese di sostituzione dei tuoi infissi a Torino e in qualunque altra città prevede requisiti differenti, aliquote differenti di detrazione fiscale o credito di imposta  in base alla tipologia  di lavoro eseguito.

Infatti, la legge di bilancio ha previsto differenti bonus da poter utilizzare per il 2023/2024 per la sostituzione dei tuoi serramenti. Inoltre con il D.L. Aiuti Quater e la Legge di stabilità sono state modificate le aliquote e le scadenze per molte detrazioni edilizie, nelle quali rientrano anche le percentuali di sconto Irpef ( o credito di imposta) per lavori rientranti  nell’Ecobonus e o Super Ecobonus.

Vista la varietà di soluzioni introdotte e/o confermate, noi di Arredoporte abbiamo pensato di  fornirti un quadro sintetico ma preciso dei vari bonus che potrai utilizzare per la sostituzione dei serramenti. Ad oggi, quindi sono stati confermati i seguenti bonus:

  • Bonus casa o ristrutturazione
  • Bonus sicurezza
  • Ecobonus
  • Superbonus
  • Sismabonus

Vediamo insieme nel dettaglio cosa cambia a partire dal 2023 per il bonus Infissi.

  • Bonus Casa o ristrutturazione

Nel bonus Casa o Ristrutturazione rientrano i lavori di:

  • manutenzione straordinaria
  • restauro
  • risanamento conservativo
  • ristrutturazione

Questo bonus, valido fino al 31.12.2024 in presenza delle tipologie di lavori come sopra elencati, ti consente di detrarre il 50% della spesa in 10 anni per un tetto massimo di spesa di €. 96.000,00= per ciascuna unità immobiliare. Quindi il bonus infissi 2023 inteso come “sostituzione degli infissi esterni o serramenti o persiane con serrante e con modifica di materiale o tipologia di infisso” viene inclusa tra gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro o risanamento e permette di beneficiare della detrazione del 50% se eseguito come singolo intervento di ristrutturazione.

  • Bonus sicurezza

Per quanto concerne il bonus sicurezza, alternativo e non cumulabile con il bonus casa ristrutturazione, sappi che esso afferisce a diverse tipologie di spesa tra le quali:

  • Installazione di sistemi di antifurto
  • Allarmi e videosorveglianza
  • Sostituzione di infissi e accessori come inferriate, persiane, porte blindate e tapparelle di sicurezza

Anche il bonus sicurezza, al pari del bonus casa è valido fino al 31.12.2024 e ti consente di detrarre il 50% della spesa in 10 anni per un tetto massimo di spesa di €. 96.000,00= per ciascuna unità immobiliare.

  • Ecobonus

Come abbiamo sopra accennato, l’ecobonus è l’incentivo previsto per le spese legate all’ efficientamento energetico degli edifici.
Trattasi di una detrazione IRPEF per la sostituzione semplice di finestre ed infissi (conosciuto anche come Ecobonus ordinario) considerata come operazione di riqualificazione energetica dell’immobile, che potrai richiedere nella misura del 65% (combinata con il cappotto termico) o del 50% della spesa sostenuta a partire dal 01 gennaio 2023 ( sulla dichiarazione dei redditi 2024) ripartita in 10 anni per quegli interventi che non possono rientrare nel Superbonus poichè effettuati senza interventi trainanti.

Gli interventi rientranti nell’ Ecobonus riguardano:

  • Riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • Miglioramento termico dell’edificio
  • Installazione di pannelli solari
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione

Nello specifico, rientrano nell’Ecobonus non solo la sostituzione di tende da sole e oscuranti ma anche la sostituzione degli infissi in quanto consente un miglioramento termico dell’immobile. In questo caso, viene concessa una detrazione fiscale del 50% su una spesa complessiva massima di €. 60.000,00= per l’acquisto ed installazione degli infissi per ogni abitazione. Il termine per l’ecobonus è del 31.12.2024.

  • Superbonus

Gli interventi coperti dal Superbonus si distinguono in “trainanti” o “aggiuntivi”. Questo bonus ha subito diverse modifiche nel corso del tempo, tanto è vero che, a seguito del Decreto cessioni per gli interventi successivi al 2023, oggi non più possibile usufruire della cessione del credito o dello sconto in fattura né è più prevista la percentuale del 110% di detrazione. Infatti la percentuale nel 2023 è scesa al 90% e nel 2024 scenderà al 70%.

Con il Decreto aiuti quater poi, è stato stabilito che per le villette unifamiliari, si può detrarre la spesa al 90% solo se si tratta della prima casa e se il contribuente possiede un quoziente familiare al di sotto dei 15.000€ nell’anno precedente a quello in cui ha sostenuto la spesa.

Ad oggi si può ancora usufruire del Superbonus 110% nelle seguenti casistiche:

  • case unifamiliari se entro il 30 settembre 2022 era già stato effettuato il 30% dei lavori;
  • condomini se la CILA è stata presentata entro il 31 dicembre 2022;
  • edifici di AICP e cooperative entro il 31 dicembre 2023, ma bisogna completare il 60% dell’intervento entro giugno 2023;
  • interventi di demolizione e ricostruzione se l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo è stata presentata entro il 31 dicembre 2022.

Per  quanto riguarda i serramenti quindi, per usufruire del Superbonus occorre effettuare una sostituzione delle finestre comprensive di infissi, dei portoni di ingresso o delle porte finestra. Si può usufruire del Superbonus per questi lavori solo “a parità di superficie e di forma”.

Inoltre, se la sostituzione di infissi e porte determina la modifica delle dimensioni o lo spostamento delle aperture, potresti beneficiare del Superbonus soltanto nel caso di  lavori di demolizione e costruzione. Questo limite è stato fornito da Enea e successivamente l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che “è possibile cambiare la geometria dei serramenti durante i lavori usando il superbonus 110%, ma la superficie totale del post-intervento non può superare quella pre-esistente”.

  • Sismabonus

Trattasi dell’incentivo che copre le spese relative all’adeguamento antisismico degli edifici. Anche in questo caso è necessario distinguer la tipologia di edificio:

  • Casa unifamiliari: detrazione dal 50% al 80% con limiti di spesa di €.96.000,00=
  • Condomini: detrazione dal 75% all’85% con importo massimo in base alle unità immobiliari

In ogni caso il sismabonus è valido fino al 31.12.2024.

Ma quali sono i requisiti richiesti per poter usufruire del bonus serramenti o infissi 2023? Continua a leggere per tutti i dettagli!

sostituzione-vecchi-serramenti-arredoporte-finstral-

Bonus infissi 2023: requisiti delle spese e adempimenti Enea

Per ottenere l’agevolazione fiscale del bonus infissi 2023 è necessario che la spesa sia sostenuta per:

  • edifici già esistenti(con esclusione di abitazioni in corso di costruzione e non ancora accatastate)
  • sostituzione di finestre ed infissi già presenti
  • lavori che comportino un aumento dell’efficienza energeticadell’abitazione
  • infissi, finestre e serramenti che rispettino i requisiti tecnici di trasmittanza “U” (dispersione di calore), espressa in W/m 2K, definiti dal DM Sviluppo economico dell’11 marzo 2008 e successive modifiche.

Inoltre per il bonusi infissi 2023 è necessario fare degli adempimenti Enea. Infatti per accedere al bonus infissi tramite Ristrutturazione, Ecobonus o Superbonus, per ottenere la detrazione IRPEF è sempre necessario inviare entro 90 giorni dalla fine dei lavori all’ENEA la documentazione richiesta: trattasi dei dati sugli interventi di riqualificazione energetica svolti.

Per il Bonus Infissi potranno essere richiesti:

  • asseverazione di un tecnico abilitato, che specifichi il valore della trasmittanza termica degli infissi dismessi e dei nuovi infissi assicurando il non superamento dei valori limite prescritti dal D.M. 26/1/10 o, in alternativa, una certificazione del produttore della finestra con le stesse specifiche di trasmittanza degli infissi vecchi e nuovi;
  • scheda informativa semplificata (allegato F al “decreto edifici”);
  • in caso di lavori su parti comuni, un attestatodi qualificazione energetica (allegato A) e scheda informativa (allegato E).

Come vedi se vuoi sostituire i tuoi vecchi serramenti, la normativa ti offre oggi diverse possibilità di detrazione IRPEF a seconda della tipologia di lavoro che eseguirai.

Se desideri maggiori informazioni sull’argomento o vedere le soluzioni  a tua disposizione per sostituire vecchi serramenti con nuovi infissi che garantiscano ottime prestazioni termiche, non esitare a richiedere una consulenza personalizzata. Noi di Arredoporte abbiamo predisposto un team di esperti in serramenti per garantirti un servizio a 360 gradi accompagnandoti sin dalla fase di progettazione di serramenti di altissima qualità e tutti Made in Italy. Inoltre in quanto rivenditori autorizzati Finstral potremo insieme combinare e personalizzare i tuoi nuovi serramenti per offrirti la migliore soluzione funzionale ed estetica.

Prenota la tua consulenza o vieni a trovarci nel nostro showroom, i nostri consulenti e progettisti saranno a tua completa disposizione

Rimani aggiornato con Arredoporte

Se ti stai orientando nell’acquisto, scrivici una mail oppure fissa un appuntamento per venirci a trovare presso il nostro show-room Arredoporte a Orbassano. Troverai i nostri professionisti pronti a consigliarti o a mostrarti le novità!

Tel. 011 9003103
Email info@arredoporte.it
Via San Rocco, 26 – Orbassano (Torino)

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

finestre-finstral-sostenibili-tutti-i-vantaggisostituzione-serramenti-arredoporte